Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

“Science, She Says!”, premiata la Prof.ssa cinese Yang Nan per il suo contributo alla cooperazione scientifica tra Italia e Cina

Science, She Says!

È stato conferito ieri mattina presso l’Ambasciata d’Italia a Pechino il Premio “Science, She Says!”, l’importante riconoscimento assegnato dalla Farnesina a giovani scienziate straniere che, attraverso la collaborazione con l’Italia, hanno contribuito al progresso della scienza e della tecnologia. Ad aggiudicarsi il premio per la regione “Asia e Pacifico” è stata la Prof.ssa di nazionalità cinese Yang Nan.

 

Si tratta di un importante riconoscimento pensato per valorizzare e promuovere la presenza femminile in ambito scientifico”, ha tenuto a rimarcare l’Ambasciatore d’Italia Massimo Ambrosetti. “La Prof.ssa Yang Nan – oggi docente presso la ShanghaiTech University – si è particolarmente distinta nell’ambito dei materiali innovativi funzionali agli impianti di energia rinnovabile, promuovendo attivamente la collaborazione tra la comunità scientifica italiana e cinese nel settore”, ha poi aggiunto.

 

Il legame della Prof.ssa Yang Nan con l’Italia nasce già ai tempi dell’università. Nel 2009, consegue la Laurea Magistrale in Ingegneria Ambientale presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”; nel 2010 inizia presso lo stesso ateneo un Dottorato di Ricerca in Scienze dei Materiali per la Salute, l’Ambiente e l’Energia, al termine del quale ricoprirà diversi ruoli di ricerca che favoriranno la cooperazione scientifica tra l’Italia e la Cina.

 

La sua attività di ricerca con l’Italia prosegue anche dopo il suo rientro in Cina come docente della ShanghaiTech University: oltre a progetti di ricerca congiunti con la già citata Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, avvia collaborazioni anche con l’Istituto superconduttori, materiali innovativi e dispositivi (SPIN) che fa capo al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) di Roma, e con il centro di ricerca Elettra Sincrotrone di Trieste. Sono numerose inoltre le pubblicazioni che portano il suo nome su importanti riviste internazionali.