Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

POLMONITE VIRALE DA CORONAVIRUS nCOV-2019. RACCOMANDAZIONI IN MATERIA DI VIAGGI NELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE. ULTIMO AGGIORNAMENTO DAL SITO VIAGGIARE SICURI DELL'UNITÀ DI CRISI DELLA FARNESINA.

Data:

30/01/2020


POLMONITE VIRALE DA CORONAVIRUS nCOV-2019. RACCOMANDAZIONI IN MATERIA DI VIAGGI NELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE. ULTIMO AGGIORNAMENTO DAL SITO VIAGGIARE SICURI DELL'UNITÀ DI CRISI DELLA FARNESINA.

A seguito della diffusione del “nuovo coronavirus” 2019-nCoV, originatasi dalla città di Wuhan, nella provincia cinese dell’Hubei, si raccomanda di evitare tutti i viaggi nella provincia dell’Hubei. In ragione delle misure attuate dalle Autorità locali per il contenimento del coronavirus (limitazioni alla circolazione in alcune aree del Paese, chiusura temporanea di molti uffici pubblici, sospensione delle celebrazioni per il Capodanno cinese e chiusura di alcune attrazioni turistiche, posticipo della riapertura di scuole e università), si consiglia di posticipare viaggi non necessari nel resto del Paese.

Dal 31 dicembre 2019 si continuano a registrare casi di persone affette da coronavirus in tutta la Cina continentale, nonché casi di decessi connessi al coronavirus. La grande maggioranza dei casi di infezione è stata registrata a Wuhan, ma sono state coinvolte anche altre città e province nel Paese, tra le quali Pechino, Shanghai e il Guangdong.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) non ha al momento emanato specifiche raccomandazioni. Le autorità locali stanno adottando le necessarie misure di contenimento, tra le quali l’interruzione dei collegamenti in uscita dalla città di Wuhan, la sospensione della circolazione dei mezzi pubblici ed ulteriori restrizioni alla circolazione anche su strade ed autostrade, inclusi i taxi. Non si può escludere che le autorità locali continuino ad adottare misure analoghe anche per aree limitrofe a Wuhan, per facilitare l’azione di contenimento del virus. Molti uffici pubblici rimarranno chiusi fino al 2 febbraio ed è possibile che la chiusura venga prorogata. Le autorità cinesi hanno inoltre posticipato la riapertura delle scuole e di alcuni campus universitari. Casi di infezione da coronavirus sono segnalati anche al di fuori della Cina. Il fenomeno è tuttora in evoluzione.

Per maggiori informazioni si rimanda al Focus Coronavirus, pubblicato sulla homepage di Viaggiare Sicuri, nonché al sito web dell’OMS: https://www.who.int/health-topics/coronavirus .

 

 

 

 

 

 


Luogo:

Pechino

Testata:

Ambasciata d'Italia nella Rep. Pop. Cinese

Autore:

Unità di Crisi Farnesina/Ambasciata d'Italia

882