Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

GIORNATA MONDIALE DELLA LIBERTÀ DI STAMPA, 3 MAGGIO 2022: DICHIARAZIONE DELL'ALTO RAPPRESENTANTE A NOME DELL'UNIONE EUROPEA

Data:

03/05/2022


GIORNATA MONDIALE DELLA LIBERTÀ DI STAMPA, 3 MAGGIO 2022: DICHIARAZIONE DELL'ALTO RAPPRESENTANTE A NOME DELL'UNIONE EUROPEA

Nel momento in cui celebriamo la Giornata mondiale della libertà di stampa, giornalisti, cineoperatori, cronisti, fotografi e blogger coraggiosi rischiano la vita per tenerci informati sull'aggressione militare, non provocata né giustificata, della Russia nei confronti dell'Ucraina.

Le forze russe trattengono, sequestrano o addirittura rapiscono e perseguitano giornalisti e attori della società civile per impedire al mondo di sentire la verità. Esortiamo con fermezza la Federazione russa a porre immediatamente fine a simili attacchi e pratiche. Secondo la piattaforma del Consiglio d'Europa per la tutela del giornalismo e la sicurezza dei giornalisti, sono già stati uccisi 10 operatori dei media ucraini e internazionali e molti altri sono rimasti feriti.

La sicurezza dei giornalisti è una priorità dell'Unione europea. Agli organi di informazione e ai giornalisti che ci raccontano la guerra in Ucraina l'Unione europea fornisce un sostegno di emergenza comprendente anche un supporto psicologico, elmetti e altri dispositivi di protezione, oltre a finanziamenti con cui coprirne gli stipendi.

Con i loro servizi dalla linea del fronte e i riflettori puntati sulle plateali violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario commesse dalle forze armate russe, i giornalisti danno un contributo fondamentale alla lotta contro la disinformazione e la manipolazione delle informazioni che serpeggiano intorno all'invasione. Il loro ruolo nel garantire che tali atrocità non restino impunite è cruciale. I responsabili saranno chiamati a rispondere delle loro azioni.

In Russia e in Bielorussia, nonostante il rischio di pene detentive a lungo termine e di arresti a tempo indefinito, media indipendenti e singoli giornalisti lottano coraggiosamente per darci informazioni sulla guerra innescata dalla leadership russa contro l'Ucraina e sulle atrocità commesse contro il popolo ucraino.

Allo stesso modo, in tutto il mondo molti giornalisti e operatori dei media, indipendenti e impegnati, continuano a denunciare l'ingiustizia nei loro paesi e contribuiscono alla costruzione di un futuro migliore. Molti lo fanno quotidianamente, senza curarsi delle vessazioni, delle violenze e delle intimidazioni che subiscono sia online che offline.

L'Unione europea è al loro fianco. Una stampa libera è il presupposto di una società più democratica, più forte e inclusiva ed è fondamentale per la protezione e la promozione dei diritti umani. Per la libertà di stampa continueremo a lottare senza tirarci indietro.

 


1149