This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

27/09/2022 - PRESENTATA ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA L’EDIZIONE CINESE DELL’ULTIMO LIBRO DEL PREMIO NOBEL PER LA FISICA PARISI

Date:

09/28/2022


27/09/2022 - PRESENTATA ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA L’EDIZIONE CINESE DELL’ULTIMO LIBRO DEL PREMIO NOBEL PER LA FISICA PARISI

Una serata all’insegna della scienza e del sapere quella che si è tenuta ieri 27 settembre all’auditorium dell’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, dedicata alla presentazione dell’edizione cinese del libro “In un volo di storni. Le meraviglie dei sistemi complessi” del Prof. Giorgio Parisi, premio Nobel per la fisica, nonché vice presidente dell’Accademia dei Lincei.

Il volume, un’opera didattica e autobiografica per capire le scoperte di Parisi sull’interazione tra il disordine e le fluttuazioni nei sistemi fisici complessi, è stato tradotto in lingua cinese dal prof. Federico Wen Zheng, Direttore del Dipartimento d’Italiano della Beijing Foreign Studies University.

L’evento, organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Pechino e dall’Istituto Italiano di Cultura, con il sostegno dell'Associazione degli Accademici Italiani in Cina, ha visto la partecipazione dello stesso Prof. Parisi (da remoto) e del Prof. Wen, nonché di diversi esponenti del mondo accademico italiano e cinese e, in particolare, del prof. Wu Yongshi, fisico della Fudan University e della Utah University con cui il premio Nobel italiano ha collaborato agli inizi degli anni ’80 ad un importante progetto di ricerca scientifica.

Nei loro interventi, l’Ambasciatore d’Italia in Cina, Luca Ferrari, e il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, Federico Roberto Antonelli, hanno sottolineato l’importanza del lavoro del Prof. Parisi e il profondo valore che assume la traduzione in lingua cinese nell’ambito degli scambi culturali tra Italia e Cina.

“Siamo felici di aver con noi il Prof. Parisi –ha riferito l’Ambasciatore Ferrari- eccellenza dei nostri giorni che conferma la grande tradizione della fisica italiana che, sin dai tempi di Enrico Fermi e dei “ragazzi di via Panisperna”, è sempre stata all’avanguardia nel campo della ricerca. Un esempio di professionalità per i giovani ricercatori e studenti, sia italiani che cinesi”.

 


1187